Accade

Dalla testa dei campisti

È una rivista dell’Accademia di Belle Arti di Urbino ideata dagli studenti di Campi Visivi.
Il progetto nasce dal desiderio di far conoscere i diversi modi di guardare il mondo e fare arte; è rivolto agli studenti e a tutti coloro che sono interessati a queste tematiche.

Dentro Accade si possono trovare pensieri, storie, persone, luoghi, racconti, sentimenti ed utopie.
Nel primo numero si segnala l’intervista a Francesco Calcagnini: scenografo, regista teatrale e docente di scenografia all’Accademia. Il teatro per lui “ha a che fare con l’illusione; è una macchina del tempo; è un sistema di comunicazione delimitato da un palcoscenico, luogo che contiene i grandi temi dell’umanità in forma di domanda e mai di risposta”.

Del secondo numero si consiglia in particolare l’intervista impossibile a J. S. Bach: un’interessante punto di vista del compositore settecentesco su nuovi media e suonerie di cellulare.

Infine dal terzo numero prendiamo le parole di Serena Riglietti, illustratrice di libri per ragazzi, per descrivere anche le intenzioni e gli sforzi comunicativi della rivista: “Nell’ambito del mio lavoro vedo le parole. Quello che leggo lo vedo attraverso immagini. Prima ancora di saper parlare per immagini bisogna saper guardare. Trovare la narrazione che c’è in tutto quello che ci circonda”.